top of page

Il Coaching per il processo relazionale



La crescita della ricerca sull’intelligenza emotiva ha evidenziato il coaching come un processo socio-relazionale che si verifica come una relazione diadica tra coach e cliente o tra i membri del gruppo o del team poiché creano “ricchezza interattiva e un’opportunità specifica per l’apprendimento e lo sviluppo individuale.


Il presupposto alla base dell'aspetto relazionale dell'interazione di coaching è che l'apprendimento avviene in situazioni sociali ed è fondamentale per la crescita e lo sviluppo. Inoltre, la competenza emotiva si sviluppa attraverso relazioni basate sulla reciprocità e sul rispetto attraverso le quali il cliente sviluppa indipendenza e assume il controllo del proprio essere. I sistemi di risorse umane in azienda che promuovono climi relazionali influenzano indirettamente la natura delle relazioni e la comprensione del comportamento di aiuto. 

 

In quanto processo relazionale, il coaching mira a supportare in modo non giudicante la crescita e lo sviluppo ritenendo il coachee un esperto della propria vita con le risorse necessarie per affrontare le proprie sfide. Il rapporto di lavoro emergente è una partnership paritaria con aspettative chiare e reciprocamente definite 


La natura relazionale dell'interazione consente ai coach di fornire un feedback sincero e onesto sulle prestazioni e sul comportamento del cliente. Man mano che la relazione di coaching si approfondisce, aumenta l’autoconsapevolezza, il che consente al cliente di portare “le comprensioni tacite a un livello di consapevolezza cosciente” .



Una meta-analisi ha rivelato una correlazione moderata e coerente tra una relazione di lavoro coach-coachee di alta qualità e risultati cognitivi e affettivi del coaching come il benessere dei dipendenti, l'autoefficacia, la motivazione e la soddisfazione lavorativa. Tuttavia, per creare un cambiamento, i coach potrebbero aver bisogno di sfidare i modelli mentali attraverso l'indagine e un cambio di punto di vista per spostare il pensiero del cliente, consentendogli così di ottenere un risultato diverso. 

 

L'esatta natura della relazione di coaching è stata oggetto di intense ricerche a partire dagli anni '90, quando i ricercatori si sono concentrati sulla valutazione dell'impatto e dell'efficacia del coaching dal punto di vista umanistico, psicodinamico, comportamentista, centrato sulla persona, prospettive cognitive terapeutiche o orientate al sistema. I ricercatori hanno anche studiato l'uso di approcci disparati come transpersonale, gestalt, narrativo, integrativo, focalizzato sulla soluzione, programmazione neurolinguistica.  

 

Il processo di coaching incorpora tre elementi essenziali:

  1. l'adattamento agli stili di apprendimento

  2. una componente emotiva

  3. una relazione tra coach e cliente reciprocamente rispettosa. Mentre i clienti riflettono sul proprio comportamento e sulle proprie prestazioni, si impegnano in un unico ciclo di apprendimento necessario per rispondere e adattarsi a un ambiente in continua evoluzione e creare nuovi apprendimenti che supportino il raggiungimento del futuro desiderato. L’apprendimento trasformazionale si verifica quando gli individui fanno un passo indietro e considerano ciò che hanno fatto o realizzato, “mettendo in discussione e sfidando i modelli esistenti, aprendo così la porta alla creatività e all’innovazione”  mentre costruiscono attivamente significato in base alle loro nuove prospettive del loro ambiente contestuale. Crescono socialmente ed emotivamente poiché il processo di coaching supporta le loro nuove esperienze. Man mano che gli individui si relazionano in modo più interattivo con gli altri nel loro ambiente sociale, si presentano opportunità di apprendimento continuo e si traducono in relazioni più soddisfacenti basate sull'interdipendenza e sul supporto. 

 

Il coach e il cliente svolgono ruoli diversi nel processo di coaching. Il ruolo del coach è quello di comprendere i problemi e gli obiettivi del cliente per aiutarlo a esaminare la propria situazione con maggiore profondità e chiarezza di quanto potrebbero fare da soli e aiutarlo a scoprire le proprie soluzioni.


I coach stimolano il richiamo da parte dei coachee per identificare ciò che sanno della loro situazione ed esporre ciò che non sanno. L'abilità del coach è quella di facilitare piuttosto che prescrivere i risultati. I coach credono che i clienti abbiano le intuizioni necessarie per risolvere i propri problemi e facilitino tale intuizione migliorando le "capacità, competenze e prestazioni esistenti, efficacia personale, sviluppo personale o crescita personale attraverso giochi di ruolo, comportamenti modellazione e feedback intensivo per liberare il potenziale individuale. Al contrario, il ruolo del cliente è quello di impegnarsi con il coach apertamente e onestamente per scoprire le sue motivazioni, speranze e paure e generare nuovo apprendimento.




Curiosità, coltivazione e collaborazione , tre valori e comportamenti fondamentali, promuovono la scoperta mentre i clienti riflettono e approfondiscono la superficie di ogni situazione. I coachee (clienti) imparano a riconoscere il proprio ruolo nella creazione della situazione e ad assumersi la responsabilità di risolverla. Identificano le azioni che devono intraprendere per raggiungere i propri obiettivi e rivisitano gli obiettivi desiderati se necessario. 

 

La ricerca per separare i fattori chiave che influenzano i risultati del coaching da quelli di altri interventi psicologici ha identificato fattori significativi come la gamma di tecniche a disposizione del coach, la percezione delle relazioni di lavoro, l’autoefficacia del cliente e, soprattutto, la relazione cliente-coach, risultati che sono stati successivamente supportati in ricerche su larga scala.


Se senti il bisogno di prendere una decisone chiara nella tua vita, di organizzarla, di avere un po' di serenità con te stesso o nelle relazioni, cil coaching è il percorso più rapido e strutturato per arrivare dove desideri, ricorda però che l'impegno lo devi mettere anche tu!





dal libro "Trasformare la cultura organizzativa attraverso il coaching" della dott.ssa Susanne Knowles.

Comentários


Os comentários foram desativados.
bottom of page