• Life Coach Valeria L. Gentile

La gentilezza fa bene alla vita

La gentilezza non è facile da definire. La parola è legata all'empatia e alla solidarietà, ma non si limita a queste descrizioni. Non è solo un tratto, è un valore umano. Che sia informato e arricchito da una decisione etica, significa che è più di una capacità.

Nel dizionario, la gentilezza è definita come l'inclinazione a fare del bene. Il problema è che "buono" è un concetto relativo. Un significato più accurato sarebbe che la gentilezza è la capacità di provare compassione. In altre parole, sentire la sofferenza dell'altro come se fosse la propria, e cercare di risolverla.



“Preoccupandoci della felicità degli altri, troviamo la nostra”.

Platone


Questa adorabile virtù non si applica solo agli altri esseri umani. Esprimiamo anche gentilezza verso altri esseri viventi. Potrebbe anche essere applicabile a cose che non sono vive, potrebbe essere interpretato come il desiderio di preservare qualcosa così com'è. Ciò significa che possiamo mostrare gentilezza verso un dipinto o un sasso sulla strada, un fiore, un oggetto a noi caro.

La gentilezza è una virtù superiore perché coinvolge tante altre virtù. All'interno della gentilezza ci sono amore, rispetto, solidarietà, generosità e molti altre. Implica una notevole evoluzione spirituale e mentale. Gli scienziati sono stati anche in grado di dimostrare, grazie a molti studi, che la gentilezza è una capacità rintracciabile nel cervello. Hanno dimostrato che è la base per una qualità ottimale di vita.


La zona della gentilezza del cervello


Un gruppo di scienziati dell'Università di Oxford e dell'University College di Londra ha identificato un'area del cervello che sembra essere correlata alla gentilezza. Il gruppo, guidato dalla dottoressa Patricia Lockwood, ha lavorato con dei volontari. Hanno chiesto loro di scoprire quali simboli erano vantaggiosi per loro stessi e quali erano vantaggiosi per le altre persone. Mentre i volontari svolgevano il loro compito, i loro cervelli venivano monitorati tramite risonanza magnetica. L' esperimento ha spinto i soggetti dello studio a considerare e valutare il modo in cui i simboli potevano aiutare altre persone. Dovevano determinare se ogni simbolo funzionava solo per se stesso o se era utile anche per gli altri. Quando ogni volontario ha scoperto il modo in cui il simbolo ha aiutato gli altri, è stata attivata solo un'area del cervello. Questa zona è chiamata "corteccia cingolata anteriore". Naturalmente, la gentilezza non è solo una questione di funzioni cerebrali. Dobbiamo ricordare che questo meraviglioso organo ha una plasticità incredibile. La sua funzione è modellata dalle esperienze e dal comportamento.



La gentilezza guarisce il cervello


Il neuropsicologo Richard Davidson ha fatto uno studio all'Università del Wisconsin dopo un viaggio in India. Nel 1992 incontrò il Dalai Lama, ed egli gli pose una domanda che avrà un grande imprinting per la sua vita futura: “Ammiro il tuo lavoro, ma penso che tu sia molto concentrato su stress, ansia e depressione; non hai pensato di concentrare i tuoi studi neuroscientifici sulla gentilezza, la tenerezza e la compassione?". Richard Davidson, da quel momento, condusse una serie di studi relativi alla domanda postagli dal Dalai Lama e dimostrò, ad esempio, che alcune strutture del cervello possono cambiare in sole due ore. Una mente calma produce benessere generale e, per avere un cervello calmo, bastano un paio d'ore di meditazione . Questo è stato scientificamente misurato nel suo laboratorio.


Allo stesso modo, ha scoperto che i circuiti neuronali dell'empatia non sono gli stessi di quelli della compassione. Per arrivare alla compassione (un'altra forma di gentilezza), devi prendere la via della sensibilità, della simpatia e dell'empatia . Al livello più alto c'è la compassione. La compassione è un passo oltre la capacità di percepire, sentire e comprendere la sofferenza dell'altra persona. Implica una chiamata all'azione quando si assiste alla sofferenza dell'altro.

Davidson ha anche scoperto che la gentilezza e la tenerezza aumentano il benessere in diversi ambiti della vita. In uno studio su bambini e adolescenti, sono stati documentati diversi cambiamenti cerebrali quando gli scienziati hanno insegnato loro ad essere più compassionevoli e teneri. Tutti hanno mostrato miglioramenti a scuola e la loro salute è migliorata. La capacità di essere compassionevoli può essere appresa. La gentilezza è il risultato di uno sforzo intenzionale per migliorare il nostro io interiore.

BUONA GIORNATA MONDIALE DELLA GENTILEZZA..

SII GENTILE CON TE STESSO.. INIZIA DA TE!

2 visualizzazioni0 commenti