• Valeria Laura Gentile

"Il Senso di colpa" : è utile o nocivo?



Il "sentirsi in COLPA", a lungo accusato da studiosi e terapisti come causa di innumerevoli situazioni di miseria emotiva e paralizzazione mentale, oggi è sempre più visto come un sentimento prezioso e unicamente umano che è essenziale per l'ordine sociale, il comportamento morale.

"Il senso di colpa non è certo un'emozione" inutile ", ha detto il dottor Willard Gaylin, psicoterapeuta di New York.

"Il senso di colpa, il senso di angoscia di non essere all'altezza dei nostri standard, è il guardiano della nostra bontà",

ha detto il dottor Gaylin. "È necessario per lo sviluppo della coscienza nei bambini e per evitare comportamenti antisociali". L'attenzione che è stata prestata negli ultimi anni alla colpa mal riposta o portata agli estremi nevrotici ha teso a mettere in ombra la sua importanza come forza positiva. In effetti, il dottor Gaylin vede la colpa come una delle più fraintese emozioni umane comunemente vissute.

Il senso di colpa può essere visto come un sentimento che "aiuta le persone a rimanere in contatto" con i loro simili. Se ti viene in mente di aver fatto qualcosa per ferire qualcun altro, il senso di colpa ti obbliga a fare qualcosa per riparare il legame.


Questa visione della colpa come forza del bene sta guadagnando popolarità mentre la società cerca spiegazioni per problemi sociali crescenti come l'abuso sui minori e la violenza insensata contro persone innocenti. Coloro che perpetrano tali atti spesso si trovano senza colpa per il loro comportamento antisociale. "L'incapacità di sentirsi in colpa è il difetto di base dello psicopatico, che è in grado di commettere crimini della specie più vile senza rimorso o contrizione", ha osservato il dottor Gaylin.

"Il senso di colpa arriva quando tradiamo un modello di comportamento interiorizzato", ha osservato il dottor Gaylin, ''Non ci comportiamo in un certo modo per esempio, non picchiamo vecchie signore indifese, perché è disgustoso per noi. Ma non è disgustoso per le persone a cui manca questo modello interiorizzato.''

Ha continuato: "Anche se sotto pressione dalla minaccia di una punizione, la maggior parte di noi non piccherebbe una vecchia signora perché sappiamo che ci sentiremmo in colpa se lo facessimo".



Studi e ricerche hanno dimostrato che, anche se provocate ad agire in modo aggressivo, le persone con un alto livello di senso di colpa per l'ostilità, credono che certe loro azioni siano moralmente ingiustificate e tendono a voler spiegare il loro comportamento alla vittima o, in qualche modo, ridurre il livello delle loro aggressioni.


La maggior parte delle volte, ritiene il dottor Gaylin, il senso di colpa viene confuso con la "paura del senso di colpa", come potrebbe provare un automobilista quando guida oltre il limite di velocità e all'improvviso vede un'auto di pattuglia dietro di lui. Qui, la paura di essere catturati e puniti è l'emozione principale, non un senso interiorizzato di aver fatto qualcosa di sbagliato. I cani da compagnia che sgattaiolano via con la coda tra le gambe dopo essere stati sorpresi a fare un buco nel divano, provano paura perchè sono consapevoli di aver fatto un'azione sbagliata, non sono pentiti, sostiene il dottor Gaylin.

"L'emozione del pentimento viene alleviata quando la minaccia della punizione scompare",

ha scritto il dottor Gaylin. ''Il vero senso di colpa cerca, anzi abbraccia, la punizione.''

Nella prima infanzia, il buon comportamento viene applicato principalmente attraverso l'induzione da parte dei genitori della paura di una punizione per aver violato un codice di comportamento. Ma man mano che il bambino cresce, un "ideale dell'Io", una forma di figura paterna, viene interiorizzato come un modello di comportamento corretto, ha detto il dottor Gaylin, e nell'età adulta, le persone cercano di punirsi quando tradiscono quel modello. Il comportamento antisociale implica l'assenza di senso di colpa e i bambini vittime di abusi crescono fino a diventare genitori apparentemente senza colpa. "Il senso di colpa implica empatia per il dolore fatto a un altro".


Le persone spesso cercano di deviare il senso di colpa attribuendo la colpa a persone o eventi diversi da loro stessi.

Potrebbe verificarsi se nel fare un favore a sua moglie, un uomo perde il portafoglio e se la prende con lei dicendole: "Se non ti avessi fatto il favore non avrei perso il portafoglio...".

Questa deviazione della colpa porta a più litigi domestici di qualsiasi altra emozione. Succede perché è molto più facile provare rabbia che senso di colpa.


Ma la colpa a volte è inutile. Può causare sintomi fisici: insicurezza , diminuzione dell'autostima e vergogna . Può essere difficile superare questi sentimenti, soprattutto in caso di colpa cronica. Ma è possibile, soprattutto con l'aiuto.

Se stai lottando con i sensi di colpa, prova il mio percorso di Life Coaching AMA il TUO IO che può aiutarti ad arrivare alla radice di questi sentimenti, capire perché persistono e aiutarti ad affrontarli. In questo modo puoi evitare che ti influenzino negativamente.



COS'È LA COLPA?

Non è sempre facile capire cosa sia la colpa. In effetti, la colpa e la vergogna sono spesso confuse tra loro, sebbene siano emozioni distinte. Il senso di colpa descrive un senso di rimpianto o responsabilità correlato alle azioni intraprese. Le persone possono sentirsi in colpa per cose che hanno effettivamente fatto sbagliando, cose che credono siano colpa loro o cose di cui non avevano alcuna responsabilità. La colpa del sopravvissuto , ad esempio, può colpire le persone che sono sopravvissute a tragedie quando molti altri sono morti e loro no.


Le persone tendono a sentirsi in colpa solo per azioni che considerano "cattive" o "sbagliate". Una persona che crede di avere diritto a un salario più alto può rubare piccole somme di denaro al proprio capo senza mai sentirsi in colpa. Ma una persona che trova un portafoglio e tiene tutti i soldi senza fare alcuno sforzo per trovare il proprietario, può sentirsi in colpa per mesi o addirittura anni, se crede che la cosa “giusta” da fare sarebbe stata consegnare il portafoglio.


Alcune persone provano sensi di colpa cronici, che possono portare a sentimenti di inadeguatezza. Questo tipo di colpa può portare ad azioni distruttive invece che a cambiamenti positivi. Queste persone amano manipolare gli altri con quello che è noto come "senso di colpa" utilizzando i sentimenti di colpa di una persona come strumento per fare ciò che vogliono.


Qualcuno che si sente in colpa per qualcosa che ha fatto potrebbe prendere provvedimenti per correggere il proprio errore, chiedere scusa o fare ammenda in altro modo. Questo di solito fa diminuire il senso di colpa.

Ma la vergogna, che descrive un rimpianto o un senso di responsabilità che riguarda il sé, può essere più difficile da affrontare. Non è sempre facile ridurre i sentimenti di vergogna, specialmente la vergogna che non è completamente compresa.


Le persone a volte si vergognano di una parte di se stessa senza sapere perché.

La vergogna può far sentire le persone indegne o in qualche modo inadeguate. Può portare all'isolamento , atti di auto-punizione o altri comportamenti potenzialmente dannosi.


Tipi di colpa

La colpa è un'emozione condizionata. In altre parole, le persone sono condizionate (imparano) a sentirsi in colpa. Alcuni fattori possono rendere più probabile che una persona provi un senso di colpa cronico o eccessivo. Questi fattori potrebbero includere la loro cultura, famiglia o educazione religiosa. Se i genitori fanno costantemente sentire un bambino in colpa o evitano le gratificazioni, ad esempio, il bambino si convincerà che nulla di ciò che fa è positivo. Questo può portare a un complesso di colpa.

Le persone che lottano per superare i sentimenti di colpa cronica possono avere un rischio maggiore di depressione, ansia o altri problemi psicofisici. Una persona depressa che si isola può sentirsi in colpa per aver escluso i propri amici ma non essere in grado di aiutarsi a comprendere e stare meglio, ad esempio.

Il senso di colpa relativo agli errori o ai fallimenti del passato può portare una persona a continue lotte. A volte, il senso di colpa può anche impedire a una persona di avere relazioni soddisfacenti con gli altri. In generale, ci sono tre diversi tipi di colpa.


  • Colpa reattiva: la colpa reattiva si verifica quando una persona crede di aver agito contro le proprie convinzioni personali di ciò che è moralmente buono o gli standard che la società definisce per comportamento accettabile.

  • Colpa anticipata: questa colpa è il risultato del pensare di agire contro gli standard morali personali o gli standard della società. Una persona può scegliere di non intraprendere una determinata azione perché sa che è sbagliata o crede che possa ferire gli altri.

  • Colpa esistenziale: questa colpa può essere più complicata. Il senso di colpa esistenziale può descrivere i sentimenti di una persona per l'ingiustizia generale o l'idea che "La vita non è giusta". Può anche descrivere il senso di colpa che una persona prova per l'impatto negativo che può avere sulla vita degli altri.




Alcuni ricercatori dividono ulteriormente la colpa in due categorie. Queste categorie possono essere considerate separatamente dai suddetti tipi di colpa.

  • Senso di colpa disadattivo: questo tipo di colpa ha spesso un impatto negativo sulla vita. Questo senso di colpa potrebbe includere senso di colpa cronico (senso di colpa che si riferisce alla vergogna) e altri sensi di colpa che portano a disagio mentale o emotivo.


  • Colpa adattativa o pro-sociale: si ritiene che questo tipo di colpa sia utile, in quanto si riferisce alla comprensione di una persona del male e della responsabilità.


Diverse fonti possono contribuire al senso di colpa.

Famiglia

Un bambino generalmente impara a conoscere il "giusto" e il "sbagliato" dai membri della famiglia, in particolare dai genitori. Quando un bambino si comporta male, i genitori di solito esprimono delusione e danno una conseguenza. Sapere che il genitore è deluso può scatenare sentimenti di rimpianto. Il bambino potrebbe voler fare tutto il possibile per riconquistare l'approvazione dei genitori.

Cultura

Quando la cultura di una persona sostiene che un certo comportamento è sbagliato, una persona può sentirsi in colpa anche se il proprio codice morale dice loro che non c'è niente di sbagliato nel comportamento. Una persona non sposata cresciuta in una cultura che scoraggia i rapporti sessuali al di fuori del matrimonio può sentirsi in colpa quando fa sesso, anche se crede che sia perfettamente normale fare sesso senza essere sposata.

Una cultura del senso di colpa enfatizza gli effetti del comportamento di una persona sugli altri e lo collega al modo in cui quella persona è vista dagli altri. Quando le azioni di una persona causano danni o angoscia ad altri, quella persona perde il rispetto sociale, o "faccia". Nelle culture che vivono col senso di colpa (come la nostra), correggere l'errore, chiedere scusa e / o in qualche modo fare ammenda, può riparare il danno.

Credenze religiose

Alcune tradizioni religiose enfatizzano la colpa più di altre. Se le azioni di una persona non sono in linea con gli insegnamenti della religione, la colpa spesso deriva dalla loro convinzione che un potere divino conosce le loro azioni e le ritiene responsabili. Questo spesso spinge una persona a confessare i propri torti, pentirsi (un'azione all'interno di sé) e fare qualcosa per rimediare al torto.

L'idea di una "coscienza sporca", o di una voce interna che dice a qualcuno quando ha commesso un errore, non è strettamente religiosa, ma spesso fa parte delle tradizioni religiose. Una persona che si sente in colpa può essere spinta da questa voce interna a correggere in qualche modo il proprio errore.

Società

La colpa può derivare dal preoccuparsi di ciò che gli altri penseranno di certe convinzioni o comportamenti. In questo modo, la società può avere un grande impatto sul senso di colpa di una persona. Sapere che altre persone possono vedere e giudicare le azioni può influenzare le scelte di una persona. Questo senso di colpa può essere una buona cosa, in quanto supporta le norme sociali o le regole morali che le persone generalmente seguono, come "È sbagliato rubare" o "Se colpisco l'auto parcheggiata di qualcuno, dovrei lasciare un biglietto con il mio numero di telefono e il mio nome. "

EFFETTI DELLA COLPA

Gli effetti mentali del senso di colpa possono essere utili quando ispirano una persona a modificare il proprio comportamento in meglio. Ma altre volte possono causare angoscia. La ricerca ha dimostrato che il senso di colpa e la depressione sono spesso collegati. La ricerca suggerisce anche che l'ansia, così come il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) , può essere correlato a sentimenti di colpa o vergogna.

Quando una persona non può correggere un errore, il senso di colpa può persistere finché non ha la possibilità di fare ammenda. Il senso di colpa derivante da un'azione che non può essere riparata, come quando una persona sente di aver causato indirettamente la morte di un altro, può avere un impatto negativo e duraturo sulla vita. Il Coaching o la terapia spesso aiutano una persona ad affrontare queste emozioni e riformulare i propri sentimenti su ciò che è accaduto.


SINTOMI FISICI DI COLPA

Le persone con un senso di colpa irrisolto sono spesso irritabili o nervose. Possono essere eccessivamente appiccicose o scusarsi in modo eccessivo.

Anche i sensi di colpa si manifestano spesso come sintomi fisici. Questi potrebbero includere:

  • Insonnia o disturbi del sonno