• Valeria L. Gentile

Sei una persona autodistruttiva? Segnali di allarme.




In teoria, cerchiamo tutti la felicità e agiamo seguendo le sue orme. In pratica, molti esseri umani non seguono questo schema. Al contrario, senza sapere perché, fanno cose che danneggiano se stessi. Stiamo parlando di una persona autodistruttiva.


Una persona autodistruttiva non agisce in modo volontario. Quello che di solito accade è che si sente male, ma non riesce a identificare esattamente il motivo. Quindi, sviluppa comportamenti che fanno male a se stessa.

Abbiamo tutti questo lato da qualche parte dentro di noi.

Tuttavia, alcuni lo trasformano nella loro personalità principale. Quello che succede a una persona autodistruttiva è che spesso si incolpa per cose reali o anche immaginarie.


Vediamo i sette tratti più importanti di una persona autodistruttiva.

Nella storia degli uomini ogni atto di distruzione incontra, prima o poi, una risposta con un atto di creazione. -Eduardo Galeano-


1. Reagire con tristezza o irritazione quando si ottiene qualcosa di importante


Anche se sembra strano, una persona autodistruttiva sente un vuoto insondabile quando conquista un obiettivo importante. Avendo lottato intensamente per l'obiettivo, alla fine non è in grado di provare soddisfazione quando finalmente lo raggiunge.


Ciò che prova quando si confronta con questi trionfi è una certa tristezza e talvolta rabbia. Quasi sempre cerca di sminuire i suoi risultati. Dichiara che è assurdo sentirsi felici per una cosa così sciocca. Questo è un chiaro segno che è autodistruttivo.


2. Provocare gli altri e poi sentirsi in colpa


Una persona autodistruttiva di solito è piuttosto combattiva. Non sa il motivo. ed è anche generatrice di polemiche. Se altri dicono "sì", dice "no". Se altri dicono "bianco", dice "nero".

Nelle discussioni con gli altri, non è insolito per lei diventare verbalmente aggressiva o usare un linguaggio sconsiderato. Passata la tempesta, si sente terribilmente in colpa per aver scatenato la disputa e si sente anche in colpa per quello che ha detto e per come lo ha detto. Diciamo che adotta una contraddizione comportamentale.


3. Non riconoscere di sentirsi bene, anche quando è vero


Per qualcuno autodistruttivo niente è mai abbastanza. La loro principale difficoltà è provare soddisfazione, in particolare per qualcosa che hanno fatto per se stessi. Si concentrano sulla macchia scura sul foglio bianco.

Se capita che si sentano bene o vedi realmente che stanno bene, si sentono infastiditi. Diranno che hai torto. Potrebbero persino sentirsi allarmati. Cercheranno dentro di sé ragioni per smettere di sentirsi bene e per confermare la loro posizione soggettiva di disagio.




4. Non mantenere le promesse fondamentali per il raggiungimento dei propri obiettivi



Una persona autodistruttiva si boicotta da sola. Insiste sul fatto che lo fa in modo inconscio. Così dimentica le riunioni chiave o rimane addormentata o sbaglia l'orario di un appuntamento importante.

È come se per lei fosse imperativo eludere qualsiasi forma di benessere a cui potrebbe avere accesso. Quando perde grandi opportunità, a causa di questa apparente dimenticanza o distrazione, trova una nuova ragione per continuare a rimproverarsi.


5. Una propensione a sacrificarsi per gli altri


Non solo è positivo, ma può essere molto costruttivo fare le cose per gli altri. Nel caso di una persona autodistruttiva questo tipo di atto altruistico assume un altro significato.


Sembra che trascurino regolarmente se stessi per migliorare la vita degli altri.

Con relativa facilità rinunciano al proprio benessere per consegnarlo a un altro. Sono capaci di non lasciare un soldo per se stessi per aiutare qualcun altro, o per adulare qualcuno con un gesto costoso. In fondo, si sentono in colpa per qualcosa, generalmente immaginario, e questa eccessiva generosità è una forma di castigo e redenzione.


6. Non difendersi di fronte agli abusi, tratto di una persona autodistruttiva


Una persona autodistruttiva non sa come difendersi. In realtà, non sente di avere il diritto di proteggere i propri interessi. Ha un'opinione così bassa di se stessa che sente che non vale la pena sprecare risorse per evitare il dolore.


In un modo o nell'altro, questo tipo di persona sente che gli altri hanno il diritto di abusarne. Molti di questi comportamenti autodistruttivi iniziano proprio con qualche tipo di abuso in tenera età. Quindi, presumono che sia "normale".



7. Boicottare relazioni funzionanti


Per una persona autodistruttiva è difficile stabilire legami efficaci con gli altri. In fondo sono convinti di non essere degni di amore o attenzione. A volte, anche nelle amicizie. Si sentono in questo modo perché non apprezzano se stessi.


Se stabiliscono un buon rapporto con qualcuno, si sentiranno strani. Dentro c'è una voce impercettibile che dice "qualcosa sta andando storto". E così si rivolgono ad avventure, ossessioni e persino abusatori, danneggiando le loro buone relazioni.


Una persona autodistruttiva soffre molto e fa soffrire gli altri. A volte il problema è così intrattabile che fondamentalmente vivono in solitudine. Il loro potenziale di crescita è sempre limitato.


Se ti riconosci in qualcuno dei casi sopraelencati o conosci qualcuno che si sente così, sarebbe meglio rivolgersi subito ad un professionista di supporto.

Il coaching può esserti di aiuto nel momento in cui questo disagio non diventa una patologia.


Chiamami per una consulenza, ne parleremo e capiremo se è il percorso adatto per te.

AMA IL TUO IO.

Post recenti

Mostra tutti