• Life Coach Valeria L. Gentile

Perchè abbiamo paura?



In questo momento così particolare che stiamo tutti vivendo, una delle emozioni più frequenti che molti provano, è la paura.


Molti hanno sperimentato la paura, tanti la stanno vivendo in questi giorni.

Ma ti sei mai chiesto qual è il suo scopo?


La paura è una delle sei emozioni fondamentali identificate da Charles Darwin nel 1872. Le altre sono gioia, tristezza, disgusto, rabbia e sorpresa.


Il linguaggio del corpo della paura è facile da identificare: occhi spalancati, bocca tremante e una sensazione di smarrimento. Ma qual è lo scopo della paura?

Hai mai pensato come ti sentiresti se non avessi paura? È possibile una vita senza paura? Lo scopo della paura è garantire la nostra sopravvivenza.

Tutte le emozioni umane hanno uno scopo. Ad esempio, la rabbia aiuta a stabilire dei limiti. La sorpresa è importante per il riconoscimento e la scoperta, la felicità favorisce la condivisione, il disgusto motiva il rifiuto, la tristezza incoraggia la riflessione e la paura aiuta a proteggerti dal pericolo.

Il Webster's Dictionary definisce la paura come "un'emozione spiacevole, spesso forte, causata dall'anticipazione o dalla consapevolezza del pericolo".

La parola deriva dall'antico inglese fær, che significa "calamità, pericolo improvviso, pericolo e attacco improvviso". Ci sono molte parole con un significato simile, come allarme, panico, orrore, terrore e fobia. Pertanto, la paura è una risposta ereditata biologicamente che consente di difendersi dalle minacce.

  • La paura è genetica, plasmata da secoli di evoluzione. Permette, attraverso risposte rapide e automatiche, di proteggersi da pericoli e situazioni potenzialmente pericolose. In altre parole, ti aiuta a sopravvivere.

È una sensazione intensamente spiacevole innescata dalla percezione di una paura reale o immaginata . Tutti gli animali lo sperimentano di fronte al pericolo.

La paura facilita l'adattamento e costituisce un meccanismo di sopravvivenza e difesa sviluppato in modo che gli individui possano rispondere a situazioni avverse in modo rapido ed efficiente.


In questo senso, la paura è un'emozione normale e benefica, non solo per la sopravvivenza individuale ma anche per l'intera specie umana. La paura è considerata "normale" quando la sua intensità corrisponde alla gravità della minaccia. In altre parole, l'oggetto della paura ha caratteristiche che potrebbero minacciare la vita di una persona.

La relazione tra paura e cervello

La massima espressione di paura è il terrore. Ma nel regno della paura patologica, l'intensità della tua paura non ha nulla a che fare con il pericolo reale in cui ti trovi. È il caso delle fobie o della paura di animali non minacciosi come uccelli o ragni non velenosi, per esempio.


Questo tipo di paura è anche solitamente correlato all'ansia. D'altra parte, la paura è una sensazione soggettiva che porta allo sviluppo di determinati comportamenti e complesse risposte fisiologiche. Le situazioni di emergenza pericolose per la vita, ad esempio, attivano un sistema di allarme di cui tutti gli animali sembrano essere dotati, compreso l'uomo . Questo sistema di allarme, di cui probabilmente hai sentito parlare, si chiama "combatti o fuggi".


Le informazioni provenienti dalla percezione sensoriale di uno stimolo (di solito l'udito o la vista) vanno al talamo, che è una sorta di stazione di ritrasmissione in cui il cervello valuta se lo stimolo è pericoloso o meno. Se lo è, il tuo cervello attiva l'amigdala, l'equivalente cerebrale di un campanello d'allarme, e l'asse ipotalamo-ipofisi-surrene, o asse HPA. A sua volta, ciò innesca il rilascio di una quantità significativa di adrenalina, che ti aiuta a reagire in modo tale da aiutarti a superare l'evento avverso. Lo scopo della paura è attivare importanti sistemi nel tuo corpo.


Combatti, fuggi o congela

La risposta umana di lotta o fuga è stata fondamentale per la nostra sopravvivenza. I nostri antenati vivevano in costante pericolo, quindi coloro che reagivano rapidamente alla minaccia avevano molte più probabilità di sopravvivere. La caccia come mezzo di sopravvivenza comporta, tra le altre cose, la costante minaccia di essere attaccati dagli animali. Di conseguenza, l'amigdala lavorava duramente quasi ogni giorno.

Quando ti trovi di fronte a un pericolo, puoi scappare o affrontare la sfida. Queste sono due reazioni molto diverse ma il precursore di entrambe è il congelamento.

Il congelamento è quando ha luogo il processo cognitivo e neurofisiologico che ho appena descritto. È il momento in cui il tuo corpo ha bisogno di prepararsi per l'azione.


Uno degli scopi della paura è spingerti a intraprendere un'azione decisiva e immediata (lotta o fuga).

Le espressioni facciali provocate dalla paura segnalano anche a chi ti circonda che il pericolo è imminente, il che aumenta le possibilità di sopravvivenza di tutti.


In sintesi, la paura è un'emozione di grande valore. È assolutamente essenziale per la sopravvivenza. Sebbene spiacevole, non è necessario rifiutarla completamente. Dopotutto, ha aiutato i nostri primi antenati a proteggersi dai pericoli e a sopravvivere in ambienti difficili e minacciosi.


Quindi in questo momento di difficoltà sociale, trova la forza di affrontare la tua paura nel modo che ti è più utile per sopravvivere nel modo piu’sereno possibile.

Ti sono vicina e se ne hai bisogno, contattami senza impegno, ti ascolterò con attenzione e professionalità e cerchero’ di aiutarti a capire cosa può aiutarti in questa situazione.